Simone Verde


16 novembre 2009
Twitter Facebook

Calder, modernità in movimento

La cultura estetica americana alle origini del contemporaneo

 
Calder, modernità in movimento

Mentre le culture estetiche europee alimentano terribili dissapori nella corsa all’egemonia ideologica e culturale, l’America scopre, leggera, il piacere di essere al mondo. Grazie a un’industrializzazione portatrice di benessere – priva delle lacerazioni e degli scontri di un’Europa troppo affollata – che dispone con entusiasmo di fronte alla vita. Relativamente poco, negli artisti statunitensi, si sarebbe avvertito della crisi del ’29. E quasi nulla degli orrori del nazifascismo o della guerra. Una leggerezza salvifica e sottile, una grazia ora accessibile a tutti (fino al 14 febbraio) nell’antologica che il Palazzo delle esposizioni di Roma dedica ad Alexander Calder, artista statunitense che ha attraversato la cultura europea, portandovi la libertà originaria della sua terra.

Le avanguardie europee si accaniscono da anni nella ricerca di una rappresentazione geometrica del mondo, adeguata alla nuova società industriale? Basta piegare un filo di ferro ed ecco la realtà riprodotta secondo il principio razionale della linea. I primi passi della psicanalisi ci svelano come l’esperienza e la conoscenza interagiscano con i simbolismi della psiche? Basta lasciare solidi attaccati a un filo, subire le variazioni aleatorie degli elementi restituendoci, nelle ombre che proiettano al muro, suggestioni sempre diverse. Il progredire delle scienze cognitive svela le leggi della percezione e il loro impatto sul nostro modo di essere al mondo? Le sculture in movimento di Calder diventano gioco che riassume in sé i meccanismi che presiedono alla costituzione del sapere. Un camaleonte dell’arte, allora? Nient’affatto. Un percorso che, attraversando la cultura europea, porta a maturazione i principi della cultura estetica statunitense.
L’idea che l’opera non debba essere un oggetto, il supporto retorico di significati estetici codificati, ma una realtà che riesce a esistere di per se stessa. Una concezione che verrà portata ai suoi risultati più alti da un altro movimento, il minimalismo, dove una società industriale contenta di sé, farà dell’arte uno strumento razionale che, sempre senza retorica, ambisce a migliorare la vita, svelando a partire da sé le forze che abitano il mondo. Come scrisse Jean-Paul Sartre: «Calder non suggerisce nulla, cattura movimenti reali, vivi, e li plasma. I suoi mobiles non rimandano a nulla, esistono e basta» e per questo sono assoluti.






0 Commenti



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>